Negli ultimi anni il gres porcellanato è diventato  il materiale più diffuso per la pavimentazione di interni ed esterni. Questo perchè è in grado di riprodurre quasi fedelmente altri tipi di pavimenti come il cotto, la pietra ed il legno, dal costo decisamente più elevato     238imgamb1-m71ntsldjh78vdybewf6yj8ly3ym2c1neq9n9n8jk0

Altra caratteristica importante è la sua impermeabilità, tranne nel caso della finitura “levigata lucida“, dove potrebbe verificarsi un certo assorbimento delle macchie. In questo caso sarebbe opportuno eseguire un trattamento antimacchia o impregnante in grado di  chiudere i pori.

Per il pavimento in gres con superficie ruvida o strutturata sarebbe opportuno, invece, utilizzare detergenti alcalini appositi, in quanto, essendo appunto ruvido, lo sporco e la polvere vengono assorbiti dai pori.

Per quanto riguarda la pulizia ordinaria non ci sono particolari precauzioni da adottare. E’ sufficiente utilizzare un detergente neutro diluito in aqua calda, stando molto attenti a rimuovere ogni alone di prodotto, sciacquando spesso e strizzando bene lo straccio. Molti detergenti per la pulizia del gres contengono infatti alcol, profumi e cere che, lavaggio dopo lavaggio, tendono ad attrarre lo sporco e a depositare sul pavimento patine lucide. Semplici alimenti come coca-cola, acqua o vino, cadendo sul pavimento, tolgono questa patina lucida lasciando intravedere l’aspetto opaco originale delle piastrelle. Queste macchie opache senza cera, in realtà, sono le uniche parti pulite del pavimento. In questo caso è necessario intervenire con un prodotto alcalino che riesca a togliere tutta la patina che si è formata.

Lo sporco si accumula più facilmente nelle fughe, rendendole antiestetiche ed antigieniche. Per questo tipo di pulizia è necessario utilizzare un prodotto alcalino non aggressivo per lo stucco con una spazzola, per riuscire ad asportare meglio lo sporco. Ricordarsi di sciaquare abbondatemente al termine del lavoro.

LA PULIZIA DOPOPOSA

ambientazione-graphite-tortoraIl lavaggio dopoposa è assolutamente fondamentale a fine cantiere, sia per le piastrelle smaltate che non smaltate. Se non viene eseguita in modo adeguato, si possono creare alonature che impediscono di mantenere pulito il pavimento. Per questo si deve intervenire con un detergente acido tamponato e opportunamente diluito. Per prima cosa bisogna spazzare bene il pavimento e distribuire poi uniformemente la soluzione con un normale spazzettone. Lasciare agire per qualche minuto ed intervenire energicamente con una spugna abrasiva oppure con una monospazzola munita di disco verde e aspiraliquidi. Risciaquare quindi con acqua calda per eliminare tutti i residui o aloni.

AVVERTENZE: questo tipo di intervento può risultare aggressivo nei confronti di materiali collocati vicino al pavimento come ad esempio soglie e davanzali di marmo, serramenti metallici o altro; è opportuno quindi proteggere e coprire bene queste parti prima di procedere con la pulizia del pavimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *